Come resuscitare un sito WordPress morto

Cosa fare se il sito in WordPress non funziona più? In genere bisogna effettuare delle modifiche alla configurazione, sistemare i permessi o riconnettere o riavviare il database server: lo vedremo con questo breve tutorial! Rimanere chiusi fuori dal proprio sito non è mai una bella esperienza, ma per fortuna ci sono varie cose che possiamo provare a fare per risolvere: l’esperienza aiuta, senza dubbio, e solo col tempo impararemo a fare manutenzione come si deve.

Errore 403

Questo è un errore misterioso per molti webmaster, ma la soluzione spesso è a portata di mano: basta semplicemente reimpostare i permessi sulle cartelle per far funzionare di nuovo tutto. In genere i cattivi permessi Linux (impostati in modo troppo restrittivo) possono creare questo genere di problemi, ma basta accedere via FTP o SSH ed impostare:

  • CHMOD 664 per i file
  • CHMOD 775 per le cartelle

Error estabilishing a database connection

Errore classico e molto diffuso, significa che il sito non riesce a connettersi al database; in questi casi può essere necessario controllare e correggere il file di configurazione (ad esempio wp-config.php per WordPress) e verificare che i parametri di connessione siano corretti (database, nome utente e password del db). In alcuni casi potrebbe essere necessario chiedere al proprio servizio di hosting di riavviare il database server, oppure – se disponiamo di accesso SSH – riavviarlo manualmente mediante:

service mysql restart

Backend non accessibile

Non riuscite più ad accedere al vostro sito, neanche come amministratori? In questi casi la cosa più semplice è provare a reinstallare il CMS, quindi cancellando i vecchi file di sistema e sovrascrivendoli con una versione nuova di zecca: non c’è dubbio che sia un’operazione non banale, ma spesso è l’unico modo per risolvere. In WordPress ad esempio potete fare questa operazione in modo safe, completamente sicuro e senza perdere dati: cancellate le cartelle wp-admin e wp-includes, e caricate di nuovo via FTP le cartelle del sito nuove di zecca, scaricandole da WordPress.org.

Malware

Se il sito non si comporta come dovrebbe oppure è lento, potrebbe trattarsi di un malware: fate una scansione del sito e cercate di cancellare i plugin non necessari: tra questi potrebbe esserci anche qualcosa che sta facendo danni al vostro sito. Fate fare una scansione antivirus al vostro hosting e cancellate, su sua indicazione, i file sospetti o corrotti.

Conclusioni

Questa era solo una breve carrellata degli errori più diffusi, non ci sono tutti ovviamente – ma in genere le casistiche di WordPress e Joomla! quando non funziona sono basate sulla verifica di questi punti.

Autore dell'articolo: Aristide Banfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *